Pagina e - Edeniti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagina e

Il terzo comandamento : Non ti servirai del Nome del Tuo Dio Iaù per la menzogna, poiché Iaù non Lascia impunito chi si serve del Suo Nome per la menzogna.
Questo comandamento dice di non pronunziare il nome del Creatore dell’Universo, per la menzogna. Un’altra versione dei comandamenti dice di non pronunciarlo invano. Pronunciarlo per nessun motivo e per la menzogna è peccato inespiabile in perpetuo.Gesù ha detto di non giurare affatto per nessun motivo e su nessuno. Questo comandamento è stato tratto da deuteronomio 5,11. Chi si serve del Suo Nome per ingannare in interessi di danaro, sesso o altro motivo materiale: è un peccato inespiabile in perpetuo. Chi si serve del Suo Nome per ingannare religiosamente una o più persone dicendo cose che Dio Creatore dell’Universo non ha detto, pecca in modo inespiabile in perpetuo.Oggigiorno giurare è quasi come un gioco, i bambini sovente hanno questa abitudine, ma anche i grandi giurano spesso. Questa è una abitudine che deve essere assolutamente sradicata dalla società, insegnando ai vostri figli fin da piccoli che non bisogna assolutamente giurare, è proibito anche giurare nei tribunali. Senza contare le persone che bestemmiano Dio Creatore dell’Universo, il peccato è inespiabile in perpetuo. I genitori devono riprendere i figli che bestemmiano dando loro stessi l’esempio rispettando Dio Creatore dell’Universo.Non è raro ascoltare persone che bestemmiano Dio Creatore.Se ascoltiamo per la via una persona o più persone sconosciute che bestemmiano Dio Creatore e Azaria, non redarguitele il Creatore dell’Universo di certo li colpirà quando meno se lo aspettano. Si è preso questo provvedimento perché le persone sconosciute che bestemmiano potrebbero aver teso apposta una trappola per cercare una lite inutile e farvi del male.Se ci troviamo difronte ad un popolo da convertire che non conosce Dio, allora anche le persone sconosciute che bestemmiano vanno redarguite, sempre valutando la situazione. Bestemmiare con la propria bocca o tramite altro mezzo di comunicazione : Dio Creatore e Azaria Figlio Predilettissimo, sono peccati non più espiabili in perpetuo per un edenita istruito sulle cose sante. Se sono colleghi o colleghe di lavoro,redarguiteli e parlateci il meno possibile.
Ci sono poi persone che pur essendo cattoliche o di altro credo cristiano sono come i pagani: bestemmiano Dio Creatore dell’Universo e le cose Sante; giudicate voi se è il caso di convertirle come i pagani o meno ; se Dio Iaù o Azaria vi mette nell’animo di convertirle le convertirete, altrimenti le lasciate al loro destino; comunque sia, la prima premessa che farete a queste persone è quella di non bestemmiare più Dio. Voi non commettete nessun peccato a parlar con costoro, perché come scritto addietro, userete le stesse gentilezze che avete con gli altri, se queste persone però sono pericolose per voi e vi prendono in odio perché amate Dio, costoro li eviterete e se vi perseguitano saranno perseguitati da azaziel ; fate le vostre valutazioni personali a riguardo.Appena ascoltate una bestemmia da qualsiasi persona che conoscete, a meno che non sia di un altro credo religioso in fase di conversione, dovete redarguirla. Trasgredire questo comandamento comporta un peccato inespiabile in perpetuo.



Il quarto comandamento: Osserva il giorno settimo per santificarlo come ti Ha Ordinato Iaù tuo Dio. per sei giorni lavorerai e farai tutte le tue opere, ma il settimo giorno è per Iaù Tuo Dio; non farai alcun lavoro, né tu, né tuo figlio , né tua figlia, né il tuo servo, né la tua serva, né il tuo bue, né il tuo asino, né alcuna delle tue bestie né il forestiero che si trova nelle tue porte, affinché si riposino il tuo servo e la tua serva come te. Ricorda che sei stato servo nella terra d'egitto e che Iaù Tuo Dio ti ha fatto uscire di là con braccio teso : perciò Iaù Tuo Dio ti Ha ordinato di celebrare il settimo giorno.
Vuol dire riposarsi da ogni fatica abituale di lavoro servile, e ogni contrattazione di commercio. I giorni della settimana per gli Edeniti sono sette come tutti quanti e la domenica Dio Iaù ha deciso che sia il giorno del riposo a Ricordo della Resurrezione del Mio Figlio Prediletto. Le proibizioni del sabato ebraico sono eccessive,anche perchè poi dice di riposarsi da ogni lavoro servile,anche dal camminare evidentemente,che non servi nessuno ma ti stanchi lo stesso perciò è come se servissi qualcuno, poi non si può pomiciare e non si può fare l'amore e poi non si può nemmeno deietare prima del tramonto, ma questa regola non l'ha mai osservata nessuno però è vera e la passo per buona, poi non si può stare in panciotte ma bisogna fare i lavori domestici e lavarsi sopratutto, leggere si può e si può anche stirare per se però non per gli altri,poi si può fare tutto il resto che non sia servile,anche mangiare preprarselo ma non per gli altri. Nel giorno della resurrezione se capitasse di domenica è festa e si può festeggiare ma non lavorare. Il periodo del riposo va dal tramonto di sabato al tramonto di domenica sera. Chi lo trasgredisce commette un peccato inespiabile in perpetuo. Se uno ha dei turni di lavoro stabili che comprendono il giorno del riposo allora lo salta e lo recupera la settimana entrante digiunando un giorno solo dal tramonto all'alba del giorno seguente.Praticamente si deve saltare il pasto serale. Internet no non si può navigare. Per il resto va bene così. Il riposo sabbatico è valido solo dai 5 anni in poi ,prima ne sono dispensati, come sono dispensate le mamme che li accudiscono e anche i padri che li accudiscono e poi non bisogna farsi le canne perchè è un lavoro manuale semmai si preparano prima del tramonto e si fumano durante il giorno di riposo. Voce di Dio Iaù.
Chi rispetta il riposo sabbatico ha più intelligenza e idee utili per la sua vita e per quella degli altri nel corso della settimana o il settimo giorno stesso. Chi non rispetta questo giorno ha più possibilità di ammalarsi, ferirsi,di rovinare sistemi elettronici e altri meccanismi, e anche più probabilità di fare disastri il giorno settimo stesso o durante la settimana che segue, senza contare contrattempi vari e occasioni utili perse,questo ho notato nell'osservarlo e nel non osservarlo. Nei casi di emergenza invece questo comandamento è sospeso, anche in caso di calamità naturale o provocata dagli uomini.



— Il quinto comandamento: Onora tuo padre e tua madre come ti ha ordinato Iaù Tuo Dio , affinchè prolunghi i tuoi giorni e sii felice sul suolo che Iaù Tuo Dio ti dona.


I genitori vanno rispettati, bisogna aver pazienza e comprenderli tranne nel caso in cui questi Bestemmiano Dio ache solo con l'aggettivo e non insegnano le cose sante di Dio o disapprovano sia in parte o totalmente le parole di questo libro Sacrissimo e indispensabilissimo per l 'umanità intera; non abbandonateli nelle case di cura, a meno che non abbiano dei problemi di origine clinica che gli impediscano di stare tra la gente e si renda indispensabile il ricovero. Ci sono casi in cui gli anziani genitori devono essere accuditi da terzi, perché gli impegni di lavoro rendono difficile la loro assistenza da parte dei figli o parenti prossimi. Rammento che i figli e i parenti prossimi elencati più avanti, se la persona è debilitata, non possono lavarla, perché così facendo scoprono la sua nudità ed è peccato, a meno che non si tratti di un caso veramente urgente e non ci sia nessuno che badi ad essa, in tal caso la persona chiuderà gli occhi e laverà il parente o i genitori. Dio Creatore dell’Universo pone una condizione: rispetta i tuoi genitori altrimenti il suolo dove abiti rende infelici i tuoi giorni sulla terra. Al giorno d’oggi non è una novità sentire che certi criminali eroinomani o assuefatti di altra droga proibita da Gesù, oppure giocatori d’azzardo,o "arrampicatori sociali" : che minacciano i genitori per estorcere loro il denaro. Poi ci lamentiamo che la terra langue; può essere una delle cause per cui la terra soffre. L’inquinamento di essa può essere provocato da una serie di motivi, difatti il non rispetto di certi comandamenti e precetti fa nascere futuri imprenditori senza scrupoli che pur di far denaro distruggono il pianeta. Dunque la loro nascita è una delle cause del non rispetto di questo comandamento. Onorare il padre e la madre significa anche non discutere problemi di eredità, non è raro sentire di figli che oltraggiano i genitori per cause di danaro, terre, automobili o per qualsiasi bene materiale.
Chi non rispetta i genitori, tranne nel caso in cui vi sia un motivo religioso da parte loro che ostacola la vostra fede o le opere di Dio,il peccato rimane in perpetuo Dunque, uno dei motivi(nel matrimonio si abbandonano i genitori) per cui potete abbandonare i vostri genitori o chi altro stia nelle vostre case, è l’avversione per i dettami cristiani per le parole scritte in queste pagine, e se trovate una persona con cui vivere insieme, potete lasciarli per qualsiasi cosa che possa generare conflitto con loro, però dovrete preoccuparvi del loro stato di salute, per questo motivo vi terrete in contatto.Trasgredire questo comandamento comporta un peccato inespiabile in perpetuo. Questo se il mancato rispetto avviene per motivi non legati alla religione edenita. Si può discutere con i genitori, ma mai arrivare all'offesa con parolacce e alle mani, questo vale tralaltro per tutte le relazioni umane.
La parola onorare è qualcosa di più che rispettare, perché i genitori ci hanno dato la vita, ci hanno curato quando eravamo in fasce, ci hanno insegnato le cose più elementari per affrontare i pericoli del mondo,poi ci hanno mandato a scuola ; molti genitori hanno insegnato ad amare Dio . E’ anche vero che alcuni genitori non sono degni di essere chiamati tali, perché non hanno insegnato le cose più elementari ai loro figli. La prima cosa che un genitore deve insegnare è l’educazione religiosa, è fondamentale questo tipo di insegnamento, questa va insegnata da molto piccoli, quando ancora il neonato è nella culla, recitando alcuni passi evangelici e pregando Dio in presenza del neonato. Quando cresce, non dovete lasciarlo al suo destino in fatto di religione, perché il diavolo(maledetto egli sia) di certo lo potrebbe deviare dalla buona strada del bene. Le pagine di questo libro le potrà leggere quando vuole, però il genitore a partire dal quindicesimo anno di età deve obbligatoriamente insegnare tutto ciò che è possibile insegnargli; se il figlio/glia è ribelle e non vuole imparare, non insistete, lo avviserete che se gli accade qualcosa di sconveniente a causa della mancata lettura di queste pagine ne pagherà le conseguenze.


Il sesto comandamento: Non uccidere.

Gli esseri umani non vanno uccisi e per gli animali vi sono delle regole scritte più avanti.

Uccidere esseri umani, anche se cattivi, è un peccato non espiabile in perpetuo perché l’assassino non può essere perdonato dalla vittima. Acnhe la condanna morte è un peccato espiabile in perpetuo, perché non è un mezzo di difesa od offesa ma di eliminazione vendicativa, la pena comunque sia è l ergastlo e di lì l'assassino non deve mai più uscire tranne per le esequie dei genitori che sarà accompagnato da una buona scorta di soldati in armi. Non vanno nemmeno uccisi i volatili dei campi ,delle montagne, dei mari, dei fiumi e dei laghi,il peccato è inespiabile in perpetuo. Più questo sistema per far tornare il Paradiso sulla terra va avanti,più animali del creato non si potranno uccidere.
L’assassino andrà a giudizio, cioè Dio Creatore dell’Universo ascolterà le motivazioni di tale atto e ne chiederà conto. La miglior cosa,invece, quando gli altri demoralizzano noi stessi è quella di evitare la discussione e parlare con calma.
La pena di morte, ai tempi di Aronne e anche dopo, era sancita solo per le trasgressioni ad alcune leggi dettate da Dio, non si poteva uccidere una persona per una lite o per altro diverbio qualsiasi, in questo caso si era condannati a morte, difatti Dice Dio: "—lo strapperai anche dal Mio altare l'assassino".Se una persona veniva uccisa, ai tempi di Aronne, era vendicata dai parenti o amici stessi, sempre per la legge dente per dente , occhio per occhio, vita per vita, Significa anche non uccidere insetti quando si possono salvare . Se passando per la via o nei boschi si calpesta qualche insetto a nostra insaputa non è peccato. Facendo le pulizie o altra manovra, può capitare di uccidere alcuni insetti non è computato a peccato. Gli insetti nocivi per l'uomo vanno uccisi sempre. In caso si passeggia per un qualsiasi luogo e qui ci sono delle api non dovete ucciderle per nessun motivo, non è peccato ucciderle però sappiate che senza le api non mangiate perciò uccidete chi vi da da mangiare. Certo ,se vedete una fila di formiche non si possono togliere tutte dalla via, non calpestatele , questo vale per altri insetti simili, se la via in cui camminate ne è piena anche se li calpestate non è peccato; se gli insetti sono davvero dannosi e non si può fare a meno di ucciderli allora si possono eliminare,ad esempio se vediamo qualche insetto parassita o meno che danneggi in un qualche modo il nostro corpo o pianta o animale che teniamo con noi,ebbene si può eliminare.
Per gli Edeniti(al momento) è proibito cibarsi di qualsiasi tipo di carne è computato a peccato inespiabile in perpetuo. Tranne i pesci che vanno lavati e ripuliti benissimo dal sangue che è in essi.E' impossibile togliere tutto il sangue da un pezzo di carne sia essa di bovini,ovini,o anche da taluni pesci (del sangue degli animali acquatici non ne parla il testo Sacro), perchè c’è una regola che dice di non mangiare il sangue, qualche emazia rimane sempre poi essendo Edeniti, cioè abitanti dell'Eden, in Quest'ultimo nishà e beril si nutrivano di erba e semi, perciò consiglio agli Edeniti di non cibarsi di nessun animale.In quei paesi o nazioni dove cibarsi di animali rappresenta la vita ,questo consiglio di astenersene non è valido in questo caso.
Le pelli invece si possono estrarre dall’animale già morto vecchio inclusi gli animali rari ,la lana dalle pecore si può estrarre.Le uova si possono mangiare basta che non siano fecondate,anche i formaggi si possono mangiare. A volte comperiamo delle paste all'uovo industriali e non sappiamo se le uova usate siano fecondate o meno, come logica di mercato,non si usano uova fecondate perché le grosse aziende alimentari si forniscono da grandi fornitori e questi non vanno a raccogliere le uova nei pollai dove convivono galli e galline, queste ultime vivono isolate in gabbie dove sono preposte solo alla produzione di uova;gli accoppiamenti di questi animali avvengono in locali appositi, oppure la fecondazione è prodotta artificialmente; comunque sia anche il produttore industriale deve scrivere sulla confezione la garanzia di uova non fecondate ,per adesso di tali paste industriali potete cibarvene. Invece le paste fresche o torte e tutto ciò che contiene uova comperate nei negozi non industriali dovete chiedere al venditore la provenienza delle uova.
Nel caso in cui un medico o qualsiasi altra persona che nell’intento di guarire un fratello o una sorella prescrivono dei farmaci i quali poi risultano deleteri per le persone stesse e queste muoiono, il medico o i medici sono responsabili per la loro morte. Se non muoiono ma rimangono lese saranno responsabili per l’accaduto ma non gli viene computato ad omicidio, perché non sono morte subito .Se una persona non muore, il peccato può essere espiato se la vittima consente il perdono; questo solo nel caso di una non curanza qualsiasi, ma non a seguito di una aggressione o una premeditazione delittuosa. Se la persona muore subito,sempre a seguito di una nostra noncuranza qualsiasi(intesa come ad esempio manovre o operazioni trascurate), il peccato non è espiabile,anche se muore dopo un periodo senza prendere conoscenza; invece, se muore dopo aver preso conoscenza il peccato è meno grave, comunque sia si compare davanti a Dio Creatore dell'Universo Iaù.Nel caso in cui un chirurgo durante l’operazione non riesce a salvare il paziente nonostante questo si sia prodigato per ciò e questo muore non è responsabile per la sua morte , a meno che il medico non era ubriaco o in preda a qualche altra droga oppure ha dimenticato manovre essenziali durante l’intervento stesso.Questo vale anche per il medico di altra disciplina clinica ; l’eutanasia è proibita, equivale ad uccidere,però, se il paziente è cosciente e non vuole assumere determinati farmaci non si può obbligare ad assumerli. Se il paziente invece è in stato di incoscienza, allora si possono prendere le decisioni al suo posto nel senso di curarlo non di ucciderlo. Se il paziente è cosciente ,ma non è in grado di intendere e volere, allora gli si somministreranno i farmaci necessari alla sua cura.
Le forze dell’ordine di qualsiasi genere, inclusi gli eserciti, e quelle private, in caso dovessero ferire od uccidere qualche persona commettono un peccato inespiabile in perpetuo tranne che in guerra che si sa uccidere è la regola però noi le guerre le evitiamo e le soffochiamo subito.
Può accadere di trovarsi difronte ad un qualsiasi incidente,se avete la prontezza di salvare la persona o le persone andate e fate ciò che è giusto fare in quel caso. Invece, se avete timore per una qualsiasi ragione e non siete in grado di soccorrere e vi sono altre persone intorno a voi, lasciate che questi soccorrano la persona o le persone, voi non peccate; se però le persone che stanno intorno a voi non sono in grado di soccorrere dovete intervenire voi ,un mancato intervento viene computato a peccato in espiabile se la persona o le persone muoiono.Invece, se non vi è nessuno,dovete soccorrere quella o quelle persone o perlomeno chiamare qualcuno al più presto. Le persone che muoiono per l’incidente o altro malessere non vengono computate a peccato non espiabile se muoiono nonostante vi siate prodigati per salvarle in qualche modo. Se non soccorrete le persone,oppure non chiamate una autoambulanza o altro mezzo di soccorso e queste muoiono ne siete responsabili come se le aveste uccise voi(se non avete come chiamare l’autoambulanza o altro mezzo di soccorso,siete dispensati dal peccato), se non muoiono siete liberi dal peccato di omicidio.
Le moto sono proibite per gli edeniti, peccato inespiabile acquistarle e usarle, le persone vittime di incidenti con le moto potete soccorrerle.Le curve della guarigione e le bende sacre, non devono essere applicate per guarire malesseri o traumi provocati dalle cose proibite in questo libro,però applicarle non è peccato. E’ capitato che un fratello o una sorella assistendo ad un incidente di qualsiasi natura, per lo shock dell’incidente stesso, non abbiano il coraggio di intervenire,ebbene, in questo caso non è peccato. Sedare le risse è compito delle forze dell’ordine,in caso sia necessario intervenire, se sentite il coraggio di farlo,intervenite, altrimenti andate via da quel luogo. L’intenzione di uccidere una persona o un uccellino non è peccato,l’importante è che non si metta in pratica tale cosa. Una leggerezza nelle nostre operazioni quotidiane , alle volte ci fa sbagliare e potremmo ferire o addirittura uccidere una persona, in questo caso non è peccato se abbiamo usato tutte le precauzioni possibili.
Gli oggetti, come anche sostanze che potrebbero essere un pericolo se lasciate per la via , animali , che potrebbero causare un incidente: vanno tolti(quando questo è possibile). Come anche situazioni simili dove la presenza di oggetti rappresenta un intralcio pericoloso, anche se i più esposti sono i motociclisti, non per questo dobbiamo punirli lasciando cose pericolose per la via con il rischio che si ci possa macchiare di un omicidio. Se lasciamo un oggetto per la via e nessuno muore o si ferisce, siamo liberi dal peccato. Se ad esempio stiamo alla guida di una automobile e all’improvviso un pedone attraversa la strada e lo investiamo, in questo caso non è peccato.Può accadere che siamo incaricati di pulire un luogo qualsiasi, ebbene, la pulizia di quel luogo se frequentato da esseri umani deve essere fatta nel miglior modo possibile; se il luogo è un ospedale o altro presidio medico la pulizia deve essere fatta benissimo, non dimenticando nulla di sporco ; se l’ambiente non è un presidio ospedaliero o medico se non si pulisce bene tale luogo e le persone si infettano non è peccato;se l’ambiente è un ambiente medico- chirurgico o ambulatoriale e il paziente muore a causa della nostra inavvertenza il peccato è inespiabile. Anche i prodotti che si usano quotidianamente possono provocare: ferimento,malattia o morte delle persone, o di noi stessi. In questo caso, l’azienda è responsabile del prodotto che si usa ; se invece usiamo il prodotto in privato e sappiamo esser nocivo, siamo noi i responsabili di eventuali malattie o morti. Le sigarette fanno eccezione,perché si possono usare,solo per confezionare i cosiddetti spinelli. Sono esclusi anche i produttori e venditori di estratti della canapa indiana. Le aziende invece che confezionano superalcolici,sono giustificate perchè alcuni di questi prodotti possono essere usati in cucina, per quei superalcolici invece che non trovano uso in cucina,le aziende non sono giustificate in caso di ferimento o morte delle persone.
Gli oggetti ad uso personale vanno conservati di modo che non si contaminano,questo vale anche per le vivande e i cibi,nessuno è responsabile per la cattiva conservazione di cibi e vivande ad uso personale,ognuno deve essere responsabile di ciò che gli appartiene, a meno che la persona sia incapace di intendere e di volere,oppure sia disabile; se le vivande e i cibi sono destinate agli altri dobbiamo avere la stessa cura come se fossero le nostre . Può capitare che stiamo pulendo un luogo qualsiasi con un panno secco oppure con la scopa , e in questo luogo ci sono una o più persone che stanno mangiando, in questo caso dobbiamo sospendere la pulizia di modo che la polvere o altri elementi estranei e/o nocivi cadano nei cibi o nelle bevande delle persone/na di quel luogo, però possiamo lavare le superfici.Se dopo tutti i nostri sforzi qualcuno si ammala a causa della nostra pulizia , si è liberi dal peccato.Se non incontriamo più la persona oggetto della nostra incuria e questa si ammala a nostra insaputa, il peccato non è computato se ciò si è fatto inavvertitamente. Quando si spazza il suolo si solleva della polvere ,questa in genere non è nociva a meno che non si stia pulendo un luogo contaminato con virus , batteri,polveri tossiche, o materiale radioattivo, in questo caso dobbiamo prendere le precauzioni del caso allontanando le persone lì presenti. Ci sono malattie, come l’hiv, che impiegano anni per svilupparsi, però è impossibile che qualcuno si ammali di aids respirando la polvere della nostra insufficiente pulizia.

Questo modo di pulire dovizioso vale anche per tutte quelle aziende e non che confezionano e/o producono alimenti e farmaci e qualsiasi cosa che richieda un igiene accurato. Se il prodotto venduto o regalato da queste aziende provoca la morte o il ferimento di qualche persona è peccato inespiabile , se l’azienda non sapeva di ciò ed è stata una disgrazia non è peccato; se invece l’azienda sapeva del prodotto o farmaco nocivo o scaduto è responsabile di tutti i ferimenti e morti provocati dal farmaco o dal prodotto che ha richiesto l’igiene molto accurata nella sua preparazione e conservazione. Se il prodotto è già in vendita e questo si deteriora per noncuranza del commerciante che lo ha acquistato oppure sapeva della scadenza e ha continuato la vendita, il peccato delle eventuali morti o ferimenti ricade sul commerciante. E’ logico che se notiamo il prodotto scaduto o deteriorato dobbiamo avvertire l’azienda produttrice oppure il commerciante che lo vende(avvisarlo tempestivamente appena vi è possibile), o entrambe le opzioni, di modo che altre persone non soffrano conseguenze spiacevoli di nessun genere. Anche in questo caso, se qualcuno si ferisce o muore a causa del prodotto del quale non abbiamo avvertito i responsabili, siamo colpevoli a seconda della gravità del danno, se si ferisce, il peccato può essere espiato, se muore, il peccato rimane. Tutto ciò se abbiamo la possibilità di avvisare o meno.
Le aziende produttrici di tale prodotto o prodotti avariati o difettosi, si tratti di cibo o beni di altro tipo, devono tempestivamente iniziare una indagine per l’identificazione dei prodotti o del prodotto in questione e individuarne i punti di vendita. Il rivenditore del consumatore finale, comunque sia, deve sempre accertarsi che ciò che vende sia lecito e in buone condizioni, se non fa ciò sarà sempre lui il responsabile finale;specialmente per quanto riguarda il cibo e beni di prima necessità. Se la data di scadenza posta sulla confezione e falsata per un qualsiasi errore, peccato espiabile, oppure per furbizia del produttore o grossista, il peccato inespiabile di ferimenti e morti andrà al produttore di tali beni, si tratti di cibo oppure di altro bene malfunzionante.
Le persone convertite che provengono da religioni pagane dove uccidere un essere umano non è peccato(sono esclusi i zizzaniti), sono perdonati per quello che hanno fatto in passato, questo se vivono lontano dalla civiltà( es:tribù sperdute nelle foreste). Dunque, tutti coloro che derivano da religioni dove uccidere è proibito,incluso l’islam, il peccato non può essere perdonato.
Se avvisiamo una o più persone che quella manovra lavorativa o quella sostanza o qualsiasi altra azione può essere mortifera e questa non ci ascolta e muore o si ammala gravemente, non siamo più responsabili di qualsiasi eventuale incidente che può capitare a quella persona.
Trasgredire questo comandamento, tranne i casi descritti, comporta un peccato inespiabile in perpetuo.


Il settimo comandamento: Non commetterai adulterio.


Il marito e la propria moglie non possono tradirsi. Lo stesso comando è valido anche per chi si fidanza. Una volta tradito o tradita, il legame, sia di matrimonio che di fidanzamento è rotto in perpetuo.
E’ considerato adulterio il desiderio forte che porta alla conquista(discorsi sessuali , discorsi di apprezzamento di parti del corpo,usare le mani per fini erotici portandole nelle parti intime,appoggiare gli organi sessuali sempre nelle parti intime inclusi i glutei e altre parti del corpo e i discorsi di conquista ) se questi contatti avvengono con chiunque casualmente in un luogo affollato non è peccato, infine, il rapporto sessuale. Lo sposo e la sposa dovranno portare sempre l’anello di matrimonio, come anche i fidanzati, quello di fidanzamento. Le coppie sposate e fidanzate sono responsabili di tutti i fraintendimenti conseguenza del non portare i rispettivi anelli. Il desiderio provocato negli altri a causa della mancanza degli anelli è computato a peccato a chi non porta tali anelli. In caso non si hanno soldi per comperarli è necessario dirlo subito, al primo approccio, nell’eventualità che qualcuno o qualcuna avesse tale intenzione. Se una coppia decide di rompere il matrimonio o il fidanzamento deve dirlo alla partner o al partner prima di unirsi con il nuovo coniuge; si può divorziare solo due volte con partner differenti e fidanzare solo quattro volte con partner differenti. In sostanza : dopo il primo divorzio si può avere solo un'altra moglie che sia nubile o anch'essa separata e entramne possono avere figli già dal primo matrimonio. Ricordo già adesso che nel secondo matrimonio, se si hanno avuti figli nel primo, non se ne possono avere nel secondo. Il peccato è inespiabile. Per quanto riguarda il fidanzamento, lo stesso, l'ultima o ultimo fidanzato o fidanzata cioè il quarto non si può più lasciare, o si sposa o si lascia e non è valido per chi non si sposa o non si fidanza appoggiare con il metodo degli Edeniti perchè risulta un peccato inespiabile in perpetuo perchè ciò si può solo fare se non si hanno uomini o donne che ci desiderano e che a noi ci piacciono e non possiamo starci insieme,se avviene che si ci innamora si deve stare insieme e se si è corriposti : sospendere l'appoggio per queste persone, consentito per altri casi in queste pagine da Dio Iaù.

L’uomo o la donna che decidono di divorziare o di sfidanzarsi non possono avere nessuna relazione penetrativa con il nuovo partner per un mese, contando dall’ultima volta che si è avuta una relazione con il partner precedente. In caso che uno dei coniugi, siano essi fidanzati o sposati, si innamorino di un’altra persona, devono interrompere subito la relazione e unirsi con il nuovo partner anche se hanno divorziato due volte o si sono fidanzati quattro volte : questo è l’unico caso in cui è concessa una separazione oltre a quelle consentite.Comunque sia la donna o l'uomo che si sono innamorati di un'altra persona del sesso opposto e queste sono sposate o fidanzate, il matrimonio o il fidanzamento possono essere sciolti; infatti se desiderano continuare con il vecchio partner possono farlo,però non consiglio questa decisione se non si hanno figli. Si parla di innamoramento, non di attrazione fisica. L’adultero e l’adultera possono rimanere insieme se c’è sentimento di amore, in questo caso il peccato è sempre inespiabile; ogni figlio generato nell’adulterio è illecito per Dio Creatore dell’Universo, il peccato è inespiabile in perpetuo.Ogni persona può generare solo figli con una sola persona, anche se questa muore e la persona si sposa con un altro fratello o sorella, non possono generare altri figli; peccato inespiabile in perpetuo, a meno che i figli o il figlio che una donna od un uomo hanno avuto nella relazione precedente siano deceduti e non abbiano lasciato a loro volta figli , o siano sterili. Se si è avvisato il partner che la relazione risulta interrotta, allora non è adulterio; però se nella relazione precedente si sono avuti dei figli in questa nuova relazione non se ne potranno più avere, e vanno prese le precauzioni necessarie. In caso nascano inavvertitamente, per vero errore, potete tenerli, ma una trasgressione voluta non è più perdonabile.
Il motivo che non si debbano avere figli nella nuova relazione è comprensibile per la seguente ragione : se ad esempio uno dei figli della vecchia relazione dovesse aver una relazione casuale con uno dei figli della nuova relazione, ebbene, potrebbero nascere figli deformati. Perciò la poligamia è sconsigliata anche per questo motivo: i geni alleli(vedere : geni), ricombinandosi accentuano difetti genetici congeniti e come risultato abbiamo malattie ereditarie rafforzate.
I coniugi non daranno il letto dove dormono a nessuno, tranne ai figli piccoli inferiori ai 10 anni che potranno dormire con la madre e il padre se la donna non ha il ciclo, questo in caso una qualsiasi situazione lo richiedesse. I coniugi dormiranno in letti separati e se possibile stanze separate, questo per mantenere il romanticismo del fidanzamento.Quando la donna ha il ciclo dormirà nel letto separata dal marito o sola nella sua stanza, ogni volta che hanno la volontà di un rapporto sessuale o meno, a ciclo terminato (biblicamente dopo una settimana dal suo inizio ), uniranno i letti o il marito accede nella stanza della moglie o viceversa; questo vale per tutte le coppie, sia divorziate, che fidanzate, o sposate. Nel periodo mestruale i due dormiranno separati, non potranno avere nessuna relazione intima : per una settimana per coppie normali dove la donna non ha partorito; 33 giorni per la puerpera se ha avuto un maschio; se ha generato una femmina i giorni saranno sessantasei.
Perciò sia che abbia generato un maschio sia una femmina, la donna dovrà osservare questo periodo di astinenza sessuale ; anche il marito è nella stessa condizione, non è ammesso nessun tipo di contatto sessuale intimo se l’uomo ha questo tipo di rapporto intimo risulta un peccato inespiabile in perpetuo,
Ogni coppia potrà generare solo 2 figli,se per inavvertenza o per altro motivo che non sia la volontà di generare altri figli, si genera altra prole si possono tenere,in altri casi il peccato risulta inespiabile in perpetuo.
In caso di divorzio di una coppia che abbia generato dei figli, questi ultimi staranno con la madre fino a quando uno di loro non faccia richiesta di restare con il padre; entrambi i coniugi, nei due casi, potranno stare insieme ai propri figli quando e quanto vorranno, indipendentemente dalle leggi degli stati che regolano simili casi nei paesi dove abitano. Fa eccezione il caso in cui uno dei genitori non abbia la capacità di intendere e di volere, oppure sia un criminale pericoloso, o in assuefazione di droga proibita in questo libro. Qui entra in vigore la legge del paese dove hanno dimora. Non è consentito il concubinaggio e la poligamia, sono tutte abitudini che il Creatore dell’Universo Dio non ammette assolutamente, il peccato risulta inespiabile in perpetuo. Altre regole che riguardano i coniugi le potrete trovare nelle pagine che seguiranno. Trasgredire questo comandamento comporta un peccato inespiabile in perpetuo, tranne nei casi menzionati. Alla costruzione del tempio d'oro Dio Iaù mi ha assegnato regole diverse che ancora deve stabilire correttamente.


L’ottavo comandamento: Non ruberai.


Al giorno d’oggi rubare è un atto assai comune, anzi, diciamo che buona parte delle persone ruba, anche senza sapere che sta rubando. Chi ruba perché ha fame non è perdonato ,però Dio Iaù può valutare caso per caso. Chi ruba perché lo fa di professione non è perdonato fino a quando non si pente; una volta pentito non deve più farlo, altrimenti il peccato rimane per sempre . Il ladro che ha rubato al prossimo, deve restituire il maltolto e chiedere scusa, (se la persona derubata è deceduta per altre cause indipendenti dall’azione furtiva si è perdonati, perché abbiamo avuto intenzione di scusarci), allora Azaria e Dio Iaù cancellano il peccato, il maltolto lo restituirete al parente più prossimo, oppure se questi mancano il maltolto lo brucerete.
La cleptomania è considerata una malattia solo se il medico ne diagnostica il caso; se il medico mente, pecca come il ladro. Sul posto di lavoro si può riposare, il periodo di riposo non deve superare l’ora solare, in caso di altri motivi giustificati è consentito un maggior spazio di tempo, l'importante che si porti a termine il compito assegnato, altrimenti si va sotto le cure della mutua, nei paesi dove essa è presente. Perciò è meglio non rubare affatto, è un rispetto verso Dio Creatore dell’Universo e verso il prossimo. Rubare significa anche, ad esempio: uscire prima dell’orario di lavoro e non recuperare, non presentarsi affatto sul lavoro e far risultare che si è presenti, oppure entrare tardi e non recuperare o non togliere il tempo del ritardo sul foglio delle presenze o altro sistema di controllo (valgono anche accordi verbali)I capi squadra avranno la stessa mansione del titolare della ditta o altro, perciò se questi decidono che puoi uscire prima dal lavoro vale come decisione presa dallo stesso titolare,nessun peccato è computato al lavoratore dipendente, se invece il lavoratore dipendente chiede al caposquadra di uscire corrompendolo in qualche forma, il peccato di furto ricadrà su entrambe. Alcune mansioni di lavoro richiedono solo lo svolgimento della mansione stessa, indipendentemente dall'orario,anche se è stabilito un orario,in questo caso non è peccato uscire prima o riposarsi.

Anche non fare il biglietto sui mezzi di trasporto, ( se il biglietto lo abbiamo, però lo si è dimenticato, non è peccato, perché la corsa è stata già pagata, questo vale per qualsiasi altra situazione simile se si dimentica di vidimare il biglietto e scendiamo dal mezzo e ci accorgiamo che non abbiamo pagato, quella corsa non la rimborsate, vuol dire che Iaù vi ha fatto viaggiare gratuitamente, se però durante la corsa vi accorgete di non avere il biglietto, allora dovete timbrarlo; in ogni caso,se non abbiamo fatto il biglietto e abbiamo viaggiato gratis per un motivo qualsiasi,appena potete dovete pagare le corse effettuate e non pagate,comprate uno o più biglietti e li getterete,se non farete ciò il peccato di furto rimane per sempre,a meno che non siate indigenti),anche non pagare i pedaggi delle autostrade dove ciò è richiesto è furto. Significa anche non prelevare nulla del tuo prossimo che rimanga incustodito, e non prendere in prestito qualcosa da qualcuno che non sa di questa tua iniziativa,e magari non restituirla più con scuse banali, anche semplicemente leggere il giornale altrui; siccome il giornale il tuo fratello lo ha pagato, non hai il diritto di leggerlo senza il suo consenso( se sfugge lo sguardo involontariamente non è peccato). Lo stesso vale per qualsiasi libro o rivista. Tutto ciò che è nella nostra casa o altro luogo di abitazione comune che dividiamo con altri si può prelevare per uso personale. Nel caso che si tratti di danaro o altro bene di cui è necessario chiedere autorizzazione del proprietario imposessarsene senza autorizzazione è furto. Sul posto di lavoro si possono prendere oggetti di uso comune agli altri operai , anche senza il consenso,perché è un bene condiviso.Non si deve approfittare del fatto che qualcuno si alza dal sedile del bus o altro mezzo di trasporto, per qualche istante, per rubargli il posto. La frutta si può prendere nel terreno altrui, basta non metterla in un recipiente, questo nel terreno altrui; mentre per l’uva potrai mangiarne a sazietà anche raccogliendola(la spigolatura) , questo vale anche per le spighe di grano(deuteronomio 23,25). Prendere le “bustarelle”, cioè una somma per corrompere o per avviare certe procedure nella società, anche quello è rubare, perché la precedenza è di chi ne ha diritto, a meno che non si tratti di casi di carità cristiana verso chi è indigente e ha necessità di pratiche urgenti. Riguardo ai debiti, quando è possibile, bisogna pagarli, altrimenti Dio Creatore dell’Universo lo computa a peccato,come debiti sono intesi tutti gli impegni economici dove vi è una erogazione di un beneficio qualsiasi ,in cambio di danaro o altro bene lecito, come ad esempio le bollette del telefono o altra comodità comune,queste andrebbero pagate alla scadenza,però un ritardo non è computabile a furto affinchè il creditore non muove una azione legale di riscossione.E' concesso un ritardo sul pagamento consentito da Dio Iaù che non superi i 17 giorni,dopodichè il creditore può vantare la riscossione del debito. Il creditore può rinunciare al credito vantato,oppure se il debitore dopo aver scritto apertamente del debito al creditore che non può pagare per motivi validi,questo enunciato verbalmente o con altro mezzo di comunicazione, se questo non dice nulla entro 365 giorni,il debito viene cancellato.

Alle volte vediamo delle persone sui mezzi di trasporto pubblici che rubano ai passeggeri, non dite loro nulla, prima o poi finiranno nelle mani della giustizia e Dio Creatore li punirà.

Se qualcuno dimentica inavvertitamente qualsiasi cosa, sia essa denaro o altro, e chi sta a fianco vede la dimenticanza, non dice nulla e si tiene ciò che ha trovato, anche questo è furto,lo stesso vale se qualcuno dimentica qualcosa in un luogo pubblico o meno, deve consegnarla alle autorità o al custode del luogo stesso. Qualsiasi cosa sia del prossimo non va rubata, prima si chiede , poi si può usufruire della cosa chiesta. In internet esistono dei sistemi elettronici chiamati :mp3 e video. Questi sistemi contengono della musica o altro, ebbene, “scaricarli” da internet furtivamente è come rubare, a meno che, nel sito dell’artista o chi per esso ci siano questi mp3 che l’artista stesso consente la loro audizione gratuita,oppure a pagamento; se l’mp3 si trova in un sito diverso da quello dell’artista e questo non ha autorizzato l’ascolto, allora è peccato scaricarlo dal sito stesso,ugualmente per i video o quant'altro è come rubare.Una spiegazione più specifica è scritta più avanti.

In caso qualcuno dimenticasse qualcosa nelle vostre case oppure altro luogo dove avete una presenza seppur saltuaria, o prendete per sbaglio qualcosa che non vi appartiene :dovete restituirla . Se terrete per voi quello che il vostro prossimo ha dimenticato o avete tenuto per sbaglio è come rubare. Se non trovate più la persona che ha perso tali oggetti : potete tenerli.

Anche il prestito va restituito appena possibile,se non lo restituite il peccato è di furto a meno che non abbiate dei problemi tali che non potete restituirlo. Gli oggetti o l’oggetto o qualsiasi cosa che ha dimenticato il vostro prossimo che potete incontrare nuovamente, e avete preso per sbaglio o per distrazione, non va usata da voi,semmai prima chiedete al vostro prossimo se potete usufruirne.

In caso il fratello o la sorella che hanno dimenticato presso di voi qualsiasi cosa o avete preso per caso o distrazione vostra e questi non li vedete più, ciò che hanno dimenticato presso di voi potete usufruirne.

Scarabocchiare sui manifesti privati è peccato di furto se lo scarabocchio impedisce la vista della pubblicità. Sui muri privati, non fate nessun graffiti è peccato di furto. Sui muri statali e sugli oggetti di stato non potete, a meno che non vi sia una indicazione specifica di consenso. Anche gettare cartacce o qualsiasi rifiuto nella proprietà altrui è peccato,tranne per i casi in cui l’oggetto o le cose abbandonate sono talmente piccole e/o facilmente biodegradabili, come per esempio la cenere, o piccole quantità di carta.

Nel caso in cui state lavorando con una ditta privata o in un ente pubblico, il materiale non potete sottrarlo per uso privato,solo potete fare ciò quando mettete questo materiale negli appositi contenitori ad uso comune, se non vi sono contenitori specifici siete dispensati dal peccato. L’acqua, la luce, il gas e il telefono e adsl di proprietà dello stato, ne potete usufruire quanto volete, (sempre che siate funzionari di questi enti umani senza ledere però le proprietà degli utenti ), sia quella presente negli enti statali, sia nelle vie pubbliche, e in qualsiasi posto dove la proprietà dell’acqua ,gas, energia elettrica, comunicazioni, appartenga alla comunità ; questo vale anche per la terra, piccoli prelievi di terra in terreno demaniale è consentito per riempire vasi e terrecotte destinati alle piante di casa. Diversamente, invece, in cui : oggetti appartenenti alla proprietà pubblica vengano rubati, è il caso ad esempio, di un funzionario pubblico che sottrae danaro dalle casse dello stato, oppure oggetti che normalmente le altre persone non ne possono usufruire, in questo caso è furto. Per fare un esempio : se lavora alla centrale elettrica dello stato non può sottrarre cavi elettrici o altro materiale ,può usare l’energia pubblica, questo si. Oppure, un impiegato statale(o comunale o regionale) che si porta a casa la carta da ufficio, o altro materiale,non si può. In poche parole : gas, acqua, energia elettrica, telefoni e mezzi di comunicazione vari di proprietà dello stato ,delle province , delle regioni, dei comuni e delle circoscrizioni o altro sistema di divisione territoriale, si possono usare ma non rubare a meno che non siano stati assegnati a privati cittadini .Nel caso in cui nelle proprietà dello stato o di altro ente ad esso appartenente ,oppure in enti privati, vi siano materiali di scarto, questi si possono tenere per se.
Le tasse devono essere pagate non pagarle è un peccato espiabile ognuno agisca secondo coscienza. Nessun cittadino appartiene allo stato o alla nazione, ognuno è libero di vivere dove vuole. Trasgredire il comandamento non rubare, comporta un peccato inespiabile, se il furto invece avviene in maniera professionale e volutamente senza pentimenti postumi, allora il peccato risulta inespiabile in perpetuo.


Nono comandamento: Non renderai una testimonianza falsa contro il tuo prossimo.

Questo comandamento è valido nei tribunali e nei presidi delle forze dell’ordine, dove molte volte si depongono falsi racconti sul come e il perché di certi fatti criminosi. Il peccato diventa inespiabile in perpetuo se il fratello o la sorella, a causa della falsa testimonianza, vengono condannati. Ramificazione di questo comandamento è la cosiddetta “bugia”, della quale farò cenno approfondito più avanti.



Decimo comandamento: ama il prossimo tuo come te stesso. Senza commenti.




Se una donna si innamora di un uomo e questa non è corrisposta e l’uomo non la vuole, allora la donna abbandonerà quella città e non vi farà mai più ritorno, altrimenti porterà il dolore dell’innamoramento per il resto della vita. Lo stesso un uomo che si innamora di una donna e questo non è corrisposto, abbandonerà la città e non vi farà mai più ritorno. Anche se una donna si innamora di un’altra donna , questa deve lasciare la città e non farvi mai più ritorno, altrimenti la passione negata le angustierà l’animo per il resto della vita; allo stesso modo un uomo che prova passione per un altro uomo,applicherà la stessa decisione come per la donna che si innamora di un’altra donna. L’uomo e la donna che si sono innamorati del sesso opposto e non sono stati corrisposti, non potranno più contattare in nessun modo la persona amata, se faranno ciò la loro passione rimarrà per sempre. Per la donna che si è innamorata di un’altra donna e per l’uomo che si è innamorato di un altro uomo faranno la stessa cosa come per l'uomo che si è innamorato di una donna e viceversa e non sono stati corrisposti ;siccome le relazioni omosessuali sono considerate una perversione da Dio dunque trasgredire si commette un peccato inespiabile. Le persone non corrisposte potranno lasciare un indirizzo od altro alla persona amata, ma loro non possono lasciare nessun indirizzo od altro alla persona che amano, così in caso ci ripensasse saprebbe dove incontrare la persona che prima non amava.

Appena la donna o l’uomo innamorato non corrisposti giungeranno nella nuova città, cercheranno di trovarsi subito un nuovo partner o una nuova partner, anche consultando le agenzie preposte per ciò. Se questi non possono lasciare la città perché impegnati in un qualche lavoro, oppure hanno degli affetti parentali e/o di amicizia,allora dovranno cambiare zona e spostarsi il più lontano possibile, con le stesse regole descritte sopra ,cioè come se fossero in un’altra città. Questo è il Consiglio di Azaria Figlio di Dio Iaù a riguardo delle situazioni qui descritte. Se una persona si innamora all’improvviso di un’altra persona di sesso diverso— e ciò è chiamato popolarmente “colpo di fulmine”—i due staranno insieme : se sono fidanzati con un’altra persona la lasceranno e se sono sposati lo stesso.

Prima di lasciare il vecchio partner lo avviseranno il giorno stesso o nei giorni successivi, in questo ultimo caso però, i due innamorati non potranno aver nessuna relazione intima affinché il vecchio partner non è stato avvisato; così facendo non peccano di adulterio. Se il vecchio partner si è ammalato al punto di non essere cosciente i due si comporteranno come se ancora non lo avessero avvisato; se i medici giudicheranno il vecchio partner morto cerebralmente,allora staranno insieme come marito e moglie. Se il vecchio partner è partito per un viaggio e si è perso,la persona che lo attende aspetterà 360 giorni dopodiché sarà libera di cercarsi un nuovo partner; se è stato rapito/a dovrà attendere l'esito del rapimento, dopo due anni dal rapimento se non si sa più nulla la donna o l'uomo coniugati col rapito o con la rapita,potranno cercarsi un nuovo partner . Appropriarsi dei beni di un morto contro la sua precedente volontà o con il mancato suo consenso è un peccato inespiabile in perpetuo. Se una persona muore all’improvviso e non lascia detto nulla, i suoi beni si divideranno tra i parenti prossimi, se non ha parenti si doneranno ai poveri, quando non vi saranno più poveri il danaro si impiegherà per la ricerca scientifica.

*****
Alcune comunità cristiane, principalmente quella cattolica, hanno apportato modifiche in parte giustificate dal fatto che per cristianizzare alcuni popoli, molte volte analfabeti e idolatri, si è per così dire “chiuso un occhio” su alcuni comandamenti e precetti : ora non è più così. I popoli,nella grande maggioranza,sono alfabetizzati, dunque d’ora in poi comandamenti e precetti dovrebbero essere rispettati.
Le scritture sacre vanno considerate per la loro sacralità, vanno custodite in un luogo chiuso, in un cassetto o scatola o in una libreria non ubicata nella stanza dove si dorme, nella stanza(in caso li custodite nella propria stanza perché non avete altro luogo) o altra ubicazione dovete tenerla nel cassetto o in una scatola entrambe sempre chiuse, la miglior cosa è collocare la bibbia in un posto di poco accesso umano,una dispensa ad esempio,perciò collocherete la scatola con la bibbia dentro, o la chiuderete in un cassetto posto in una dispensa o solaio,oppure in una libreria però lontana da altri scritti pagani; le scritture sacre non si possono gettare per quanto vecchie esse siano, le bibbie vanno tenute per sempre, non rilasciate mai i gas intestinali quando leggete la bibbia (peccato inespiabile in perpetuo se fatto volontariamente),oppure quando è fuori dai cassetti o altro contenitore apposito o di fortuna. Non leggete la bibbia con leggerezza, come se stesse leggendo un romanzo o un fumetto; non datela nelle mani degli stolti e neppure insegnate loro le cose sante. Lavatevi bene le mani prima di toccarla; in caso toccate la bibbia e poi i tasti della macchina da scrivere o del pc, non ha importanza, basta che questi non siano sporchi in modo evidente, non datela ai bambini per giocarci o disegnarci sopra. In caso le scritture si sporchino con qualsiasi cosa, le pagine vanno pulite, oppure si ritaglia la parte macchiata e si sostituisce con della carta pulita dove si riscriveranno i brani ritagliati.I ritagli sporchi vanno gettati in acqua, possibilmente lontano dagli scarichi urbani o industriali; chi vive in zone dove non c’è acqua corrente, si terranno così come sono, per sempre. Un’altra avvertenza importantissima : non sbattete la bibbia o le sue pagine con violenza o con rabbia—come per le bende sacre e questi scritti—Dio Creatore dell’Universo punisce a livello fisico quasi nell’immediatezza tale affronto, questo vale anche se eventualmente registrate gli scritti sacri e/o la bibbia su un qualsiasi supporto; non sbattete nemmeno la cuffia o l'auricolare mentre state ascoltando tali cose, Dio non perdona assolutamente non vi sono atti che possano espiare questa azione, che , come ripeto, lo ritiene un affronto e come tale lo punisce a breve termine o più raramente a lungo termine.

Oltre ai dieci comandamenti, sono da osservare una serie di precetti dell’antico testamento facilissimi da ricordare. Questi precetti sono stati dettati da Dio Creatore dell’universo ai primi uomini creati : nishà e beril.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu