Pagina f - Edeniti

Vai ai contenuti

Menu principale:

Pagina f

Dal libro del levitico.

Iaù disse a mosè: "Quando uno peccherà e commetterà una mancanza verso Iaù, rifiutando al suo prossimo un deposito da lui ricevuto o un pegno consegnatogli o una cosa rubata o estorta con frode o troverà una cosa smarrita, mentendo a questo proposito e giurando(*) il falso circa qualcuna delle cose per cui un uomo può peccare, se avrà così peccato e si sarà reso colpevole, restituirà la cosa rubata o estorta con frode o il deposito che gli era stato affidato o l'oggetto smarrito che aveva trovato o qualunque cosa per cui abbia giurato il falso. Farà la restituzione per intero, aggiungendovi un quinto e renderà ciò al proprietario…” ( il peccato verrà perdonato senza il sacrificio animale di riparazione .),la trasgressione comporta un peccato espiabile solo con la restituzione.altrimenti diventa inespiabile in perpetuo.

*giurare è proibito assolutamente, peccato inespiabile in perpetuo, è necessario aggiungere il quinto della cosa rubata.

Iaù aggiunse a Mosè: "Riferisci agli Israeliti: Quando una donna sarà rimasta incinta e darà alla luce un maschio, sarà immonda per sette giorni; sarà immonda come nel tempo delle sue regole. (L'ottavo giorno si circonciderà il bambino.)* Poi essa resterà ancora 33 giorni a purificarsi dal suo sangue; non toccherà alcuna cosa santa e non entrerà nel santuario*, finché non siano compiuti i giorni della sua purificazione. Ma, se partorisce una femmina sarà immonda due settimane come al tempo delle sue regole; resterà 66 giorni a purificarsi del suo sangue.

*pratica abolita, sostituita dal battesimo come scritto in queste pagine

* non toccherà alcuna cosa santa ,una regina o un'altra figura di comando di un paese qualsiasi, potrà leggere i precetti come scritto in queste pagine, perché deve leggerli tutti i giorni ,e leggerà i seguenti libri : il libro dell'esodo, il libro del levitico, il libro dei numeri, il libro del deuteronomio, come riportati in queste pagine per quanto riguarda i dieci comandamenti li leggerà tutti giorni; la spiegazione di ciascun comandamento e dei precetti li leggerà quando sente di aver dimenticato qualcosa, o li consulta per decidere su qualche faccenda del governo o personale), mentre nel santuario potrà entrare solo Azaria e gli eventuali primogeniti e primogeniture, come scritto in queste pagine. Anticamente c'erano solo re e regine e imperatori e imperatrici, e i giudici, nessun popolo era governato da ministri, perciò questi quattro libri vanno letti dai primi ministri o altra figura importante che abbia potere governativo e decisionale, questo lo faranno tutti i giorni appena si alzeranno dai loro letti, faranno colazione, e compiranno le operazioni mattutine solite .Se dovessero ammalarsi e non possono leggere, oppure abbiano qualche altro problema fisico che glielo impedisca, allora chiameranno le segretarie o i segretari che li leggeranno per loro. Se queste figure di potere temporale terreno rimangono vittime di qualche incidente o disgrazia al punto che non possono ascoltare tali libri anche se letti da altri, allora deve esserci qualcuna o qualcuno che li sostituisca nell'incarico.

Le regole igieniche riguardanti la lebbra sono quelle attualmente in uso presso gli uomini.
L'uomo che avrà avuto un'emissione seminale, si laverà tutto il corpo nell'acqua e sarà immondo fino alla sera. Ogni veste o pelle, su cui vi sarà un'emissione seminale, dovrà essere lavata nell'acqua e sarà immonda fino alla sera.
La donna e l'uomo che abbiano avuto un rapporto con emissione seminale si laveranno nell'acqua e saranno immondi fino alla sera.**

Quando una donna abbia flusso di sangue, cioè il flusso nel suo corpo, la sua immondezza durerà sette giorni.Se un uomo ha rapporto intimo con essa, l'immondezza di lei lo contamina: egli sarà immondo per sempre .
La donna che ha un flusso di sangue per molti giorni, fuori del tempo delle regole, o che lo abbia più del normale sarà immonda per tutto il tempo del flusso, secondo le norme dell'immondezza mestruale. Quando essa sia guarita dal flusso, conterà sette giorni e poi sarà monda.

**Da questo precetto possiamo dedurre che i rapporti sessuali dovrebbero avvenire di giorno piuttosto che alla notte, altrimenti ne avrebbe fatto cenno dell’eventuale rapporto notturno, e della conseguente purificazione; d’ora in poi i rapporti sessuali avverranno di giorno, trasgredire è un peccato inespiabile in perpetuo.Tali rapporti si faranno dall’alba fino al tramonto. Nei paesi dove non è possibile stabilire ciò per la posizione geografica che occupano, l'ora del giorno sarà divisa in due 12 per il giorno anche se è ancora notte e 12 per la notte anche se è ancora giorno.In caso si ci trovi in un luogo dove non si sa quando sorge o quando tramonta il sole, allora i rapporti sessuali avverranno appena svegli, sempre solo due o tre volte la settimana, a meno che la coppia non sia in viaggio di nozze allora è concesso di più.In caso la coppia abbia dei turni di lavoro diversi, dovranno mettersi d'accordo in base alla fascia oraria stabilita. L'appoggio e l'abbraccio come le carezze e i baci sono consentiti, si può avere emissione seminale e potete appoggiare, questo anche per le persone che non siano nè sposate nè fidanzate che si incontrano e si amano in questo modo casualmente.
Gli assorbenti non vanno abbandonati in giro ,vanno gettati nella spazzatura se non vi è possibilità sono dispensate.Non gettate gli assorbenti nel water perché contengono della plastica(peccato inespiabile in perpetuo).
Rammento che l’uomo non può vedere la fonte del sangue mestruale della donna con cui vive, se per caso vede un assorbente abbandonato, di una donna che non conosce , non è peccato. Comunque sia , le donne sono tenute a chiudere l’assorbente sporco di sangue. Per fonte di sangue si intende il sangue mestruale, mentre quello derivante da una ferita o altro che non sia mestruale si può guardare.
Le donne mestruate possono praticare l’uso del farsi appoggiare il pene sui glutei o sulla vagina coperta o su qualsiasi parte del corpo .
Nella mestruata il peccato inespiabile in perpetuo è solo computato ad essa e al partner se ha rapporti intimi in questo stato, oppure esce di casa con le mani non lavate dopo aver cambiato l'assorbente, o usa l'assorbente interno (proibito per le donne edenite), o altro sistema che richiede un intervento interno ai propri genitali.
Se per caso una donna ha il ciclo improvvisamente in un luogo affollato,pazienza si pulirà appena possibile certo non si ci può sedere sopra.
Ogni presa in giro, ogni canzonatura alla donna mestruata è un peccato inespiabile in perpetuo.
Tutte le trasgressioni sulla impurità mestruale della donna sono sospese per sempre e l'unico accorgimento,ed è computato a peccato inespiabile in perpetuo è quello di lavarsi le mani con sapone dopo il cambio dell'assorbente o altro meno che quello interno,e poi fare l amore in quello stato o farsi vedere nude sporche di sangue dal partner e ciò vi procura cancri mortali, come tutti i peccati inespiabili in perpetuo .Le mestruazioni si sono rese necessarie perchè dopo un rapporto sessuale lo sperma rimane "attaccato" alle pareti dell'utero e col tempo potrebbe generare infezioni , così col distacco dell'epitelio uterino interno (endometrio)periodicamente, l'utero rimane pulito. Anche il periodo detto del puerperio ha quella funzione : di pulire l'utero dopo una gravidanza.

**Ogni uomo, israelita o straniero dimorante in mezzo a loro, che mangi di qualsiasi specie di sangue, contro di lui, che ha mangiato il sangue, io volgerò la faccia e lo eliminerò dal suo popolo.
Perciò Dico a tutti : Nessuno tra voi mangerà il sangue, neppure lo straniero che soggiorna fra voi mangerà sangue. Se mangia carne perchè abita in un paese che non c'è altro da mangiare allora ne deve spargere il sangue e coprirlo di terra; perché la vita di ogni essere vivente è il suo sangue, in quanto sua vita; perciò ho ordinato : Non mangerete sangue di alcuna specie di essere vivente, perché il sangue è la vita d'ogni carne; chiunque ne mangerà commette un peccato inespiabile in per petuo .Qualunque persona, nativa del paese o straniera, che mangerà carne di bestia morta naturalmente o sbranata, dovrà lavarsi le vesti, bagnarsi nell'acqua e sarà immonda fino alla sera; allora sarà monda. Ma se non si lava le vesti e il corpo, porterà la pena della sua iniquità".

**Nella carne, anche in minime quantità, il sangue rimane perciò deduciamo che va gettato solo il sangue circolante ,altrimenti nessuno potrebbe mangiare la carne.
Il sangue si può donare. Considerato il motivo per cui si dona il sangue Dio Iaù Ha Approvato le donazioni, purchè siano indenni da virus e batteri che possono contaminare altri esseri umani.
*Nessuno si accosterà a una sua consanguinea, per avere rapporti con lei. Io sono Iaù.

*Non recherai oltraggio a tuo padre avendo rapporti con tua madre: è tua madre; non scoprirai la sua nudità.Non scoprirai la nudità della tua matrigna; è la nudità di tuo padre. Non scoprirai la nudità di tua sorella, figlia di tuo padre o figlia di tua madre, sia nata in casa o fuori. Non scoprirai la nudità della figlia di tuo figlio o della figlia di tua figlia, perché è la tua propria nudità. Non scoprirai la nudità della figlia della tua matrigna, generata nella tua casa: è tua sorella. Non scoprirai la nudità della sorella di tuo padre; è carne di tuo padre. Non scoprirai la nudità della sorella di tua madre, perché è carne di tua madre. Non scoprirai la nudità del fratello di tuo padre, cioè non ti accosterai alla sua moglie: è tua zia. Non scoprirai la nudità di tua nuora: è la moglie di tuo figlio; non scoprirai la sua nudità. Non scoprirai la nudità di tua cognata: è la nudità di tuo fratello.
Non scoprirai la nudità di una donna e di sua figlia; né prenderai la figlia di suo figlio, né la figlia di sua figlia per scoprirne la nudità: sono parenti carnali: è un'infamia. E quanto alla moglie, non prenderai inoltre la sorella di lei, per farne una rivale, mentre tua moglie è in vita.

Non ti accosterai a donna per scoprire la sua nudità durante l'immondezza mestruale.

Non peccherai con la moglie del tuo prossimo per contaminarti con lei.

Non lascerai passare alcuno dei tuoi figli a nessun dio e non profanerai il nome del tuo Dio. Io sono Iaù.

Non avrai con maschio relazioni come si hanno con donna e viceversa : è abominio.*Non ti abbrutirai con alcuna bestia per contaminarti con essa; la donna non si abbrutirà con una bestia; è una perversione.(inespiabili in perpetuo)
Voi dunque osserverete le mie leggi e le mie prescrizioni e non commetterete nessuna di queste pratiche abominevoli.
*per gli omosessuali sia donne che uomini invece il peccato risulta inespiabile in alcuni casi in altri no, perché non si può giudicare sulla terra tale comportamento in quanto può essere che sia nato con una quantità di testosterone insufficente per la libido verso la donna e la donna con una quanrtità di prostaglandine in meno,perciò solo in questi casi Mi permetto di giudicare fatto premessa che sia una persona buona e integra nei Miei Confronti che Sono Dio,
Le persone che hanno questa diversità genetica o acquisita non vanno emarginate, è il vostro prossimo e come tale lo dovete rispettare. Questo vale sia verso gli omosessuali uomini sia verso le omosessuali donne. E' notorio, per qualcuno per altri no ,che alle volte i fratelli e sorelle omosessuali hanno dei comportamenti quasi di conquista nei confronti dei fratelli e sorelle eterosessuali,in questi casi cerchiamo di essere tolleranti nel limite del possibile, e con gentilezza si invita il fratello o la sorella omosessuali ad un atteggiamento più consono al modo di pensare di questa religione, cioè la religione Edenita.Se i fratelli e sorelle omosessuali toccano o per scherzo o per gesto mirato le parti intime di fratelli e sorelle eterosessuali ,anche se vi sono gli indumenti interposti, questi ultimi perdoneranno tale gesto se vorranno, però al ripetersi l'amicizia non vale più,perchè per Dio Iaù tale atteggiamento se non per una manovra semeiotica,o meccanica, lo considera peccaminoso. Il perdono non è possibile su questa terra(peccato inespiabile), perciò se si instaura nuovamente una amicizia il peccato ricade anche sui fratelli e sorelle eterosessuali. Se i fratelli o sorelle omosessuali perseguitano in un qualche modo i fratelli e sorelle eterosessuali non vengono computati a peccato ai fratelli e sorelle eterosessuali tutti gli eventi ad esso collegati dopo che si è tolta l'amicizia.

Fratelli e sorelle spesso vivono nella stessa stanza, e anche cugini( i cugini non sono considerati come parentela stretta, però è consigliato non sposarsi e non avere figli) e parte della parentela sopranominata; se le condizioni economiche non permettono tale divisione, se ne è dispensati, altrimenti il peccato è inespiabile in perpetuo. Se il bambino o la bambina sono troppo piccoli e sono stati educati nel senso di non mostrare le nudità a vicenda, e questi non obbediscono, il peccato non ricade sui genitori o chi accudisce il bambino e/o la bambina che siano essi fratelli o altra figura menzionata sopra, dove non si può mostrare la nudità. Al quindicesimo anno di età(se possibile anche prima), tali bambini dovranno essere istruiti almeno sui comportamenti basilari scritti su questo libro.

*per nudità si intendono le parti intime inclusi i glutei, nella donna anche le mammelle.
Siate santi, perché io, Iaù, Dio vostro, sono santo.
Ognuno rispetti sua madre e suo padre nei limiti descritti addietro e osservi i miei sabati. Io sono Iaù, vostro Dio.
Non rivolgetevi agli idoli, e non fatevi divinità di metallo fuso. Io sono Iaù, vostro Dio.Peccato inespiabile in perpetuo.
Quando mieterete la messe della vostra terra, non mieterete fino ai margini del campo, né raccoglierete ciò che resta da spigolare della messe; quanto alla tua vigna, non coglierai i racimoli e non raccoglierai gli acini caduti; li lascerai per il povero e per il forestiero(trasgredire ciò è un peccato inespiabile in perpetuo). Io sono Iaù, vostro Dio.

Non ruberete né userete inganno o menzogna gli uni a danno degli altri. Inespiabile in perpetuo.

Non giurerete il falso servendovi del Mio Nome; perché profaneresti il Nome del tuo Dio. Io Sono Iaù.(inespiabile in perpetuo)

Non opprimerai il tuo prossimo, né lo spoglierai di ciò che è suo(inespiabile in perpetuo); il salario del bracciante al tuo servizio non resti la notte presso di te fino al mattino dopo.(espiabile)

Non disprezzerai il sordo, né metterai inciampo davanti al cieco, ma temerai il tuo Dio. Io sono Iaù.(inespiabile in perpetuo)

Non commetterete ingiustizia in giudizio; non tratterai con parzialità il povero, né userai preferenze verso il potente; ma giudicherai il tuo prossimo con giustizia.(in caso di trasgressione si commette un peccato inespiabile in perpetuo).Non andrai in giro a spargere calunnie fra il tuo popolo né coopererai alla morte del tuo prossimo. Io sono Iaù.(inespiabile in perpetuo)

Non coverai nel tuo cuore odio contro il tuo fratello; rimprovera* apertamente il tuo prossimo, così non ti caricherai d'un peccato per lui. Non ti vendicherai e non serberai rancore contro i figli del tuo popolo, ma amerai il tuo prossimo come te stesso. Io sono Iaù.
Osserverete le mie leggi. Non accoppierai bestie di specie differenti; non seminerai il tuo campo con due sorta di seme.
*per rimprovero non significa aggredire o percuotere il tuo prossimo, altrimenti diventa un peccato inespiabile in perpetuo. Il rimprovero va fatto con calma senza offesa e senza passare alle mani.
La menzogna o bugia può essere un peccato espiabile , la bugia diventa inespiabile in perpetuo se la si usa per ingannare il prossimo ingannare nel senso di trarlo in inganno per derubarlo o per ucciderlo, deluderlo o qualsiasi altra cosa che lo possa nuocere in un qualche modo grave e/o irreversibile. Tuttavia ci sono alcuni casi in cui la bugia può essere considerata lecita. Ad esempio, siccome le droghe leggere sono proibite, mentire alle forze dell’ordine, ai genitori [facoltativo], a parenti ed amici,o a chi riteniamo di nascondere ciò per non generare situazioni conflittuose, è lecito.

Lo stesso vale per qualsiasi cosa consentita qui ma proibita dagli uomini.

Si può mentire ai criminali, in caso vi chiedano qualsiasi cosa.Il mondo è pieno di servitori del male, perciò mentire a costoro non solo non è peccato, è addirittura un bene. Comunque sia, usate la bugia nei casi stabiliti in queste pagine; si può mentire per salvare una vita umana, perché l’omicidio fatto dall’uomo è voluto dal male, perciò è come mentire al male e mentire a quest’ultimo non è peccato, questo vale anche per tutti i precetti e leggi scritte sul libro degli edeniti; qualsiasi atto perpetrato dagli altri che ci induca a trasgredire le parole di questo libro si può contrastare con una bugia al tentatore. Questo precetto è valido solo per gli edeniti nei confronti del mondo che ci circonda, perché non tutti conoscono le parole di questo libro, appena tutti le conosceranno e si comporteranno di conseguenza allora tutte le proibizioni di questo libro saranno cancellate perché nessuno farà più il male sulla terra.

Anche al malato di qualche male incurabile è bene dire la verità. Nel caso in cui dire la verità ad una persona comporta un dolore come ad esempio : sulle sorti di un parente deceduto,anche qui è ncessario dire la verità. Dire una bugia scherzando non è peccato, basta che sia solo uno scherzo evidente o comunque la verità viene rivelata quasi nell’immediatezza; non è consentita una bugia scherzosa dove la verità viene rivelata a distanza di tempo. Nella recita artistica le frasi fantasiose contengono molte volte delle bugie, in questo caso è lecito, perché fa parte della rappresentazione artistica. Non si possono dire bugie scherzose sulla morte e sulla salute delle persone.


Quando sarete entrati nel paese e vi avrete piantato ogni sorta d'alberi da frutto, ne considererete i frutti come non circoncisi; per tre anni saranno per voi come non circoncisi; non se ne dovrà mangiare. *Ma nel quarto anno tutti i loro frutti saranno consacrati a Iaù, come dono festivo.Nel quinto anno mangerete il frutto di quegli alberi; così essi continueranno a fruttare per voi. Io sono Iaù, vostro Dio.

Non mangerete carne con il sangue.(inespiabile in perpetuo)

Non praticherete alcuna sorta di divinazione o di magia.(peccato inespiabile in perpetuo)

Non vi farete incisioni sul corpo per un defunto, né vi farete segni di tatuaggio. Io sono Iaù.**Peccato inespiabile in perpetuo.
Non profanare tua figlia, prostituendola, perché il paese non si dia alla prostituzione e non si riempia di infamie.(inespiabile in perpetuo)

Osserverete i miei sabati e porterete rispetto al mio santuario. Io sono Iaù.

Non vi rivolgete ai negromanti né agli indovini; non li consultate per non contaminarvi per mezzo loro(inespiabile in perpetuo). Io sono Iaù, vostro Dio.

Alzati davanti a chi ha i capelli bianchi, onora la persona del vecchio ( espiabile) temi il tuo Dio. Io sono Iaù.

Quando un forestiero dimorerà presso di voi nel vostro paese, non gli farete torto. Il forestiero dimorante fra di voi lo tratterete come colui che è nato fra di voi; tu l'amerai come tu stesso perché anche voi siete stati forestieri nel paese d'egitto. Io sono Iaù, vostro Dio.

Non commetterete ingiustizie nei giudizi, nelle misure di lunghezza, nei pesi o nelle misure di capacità. Avrete bilance giuste, pesi giusti, efa giusto, hin giusto.( il contrario è un peccato inespiabile in perpetuo).*** Io sono Iaù, vostro Dio, che vi ho fatti uscire dal paese d'egitto.

Osserverete dunque tutte le mie leggi e tutte le mie prescrizioni e le metterete in pratica. Io sono Iaù".

I frutti della primizia li lasciate lì raccogliete solo dal secondo frutto maturato in poi il primo frutto di ogni albero lo lasciate lì e basta che si decompone da solo.
** I tatuaggi non sono leciti, le incisioni neanche; chi ha queste incisioni, se può toglierle è meglio, altrimenti le tenga ma non ne faccia mai più; il motivo di tale proibizione è noto, oltre a scongiurare un pericolo di infezione , perciò non va profanato con dei tatuaggi o altre incisioni varie, inclusi i lobi delle orecchie forati per collocare gli orecchini, anche il piercing è peccato inespiabile in perpetuo , tranne il caso in cui la persona viene a conoscenza di questa regola solo dopo aver fatto ciò.

***i pesi e le misure sono quelli usati in tutti i paesi; qualsiasi essi siano, l’importante è l’onestà.


Raccomando il lettore di leggere attentamente, con calma, senza affrettarsi nell’imparare tutto in una volta. Non leggete questi precetti e le pagine di questo libro quando siete stanchi, potrebbe non soddisfare il vostro sapere e la vostra perfezione spirituale.



*Iaù Dice : chiunque tra gli israeliti o tra i forestieri che soggiornano in Israele darà qualcuno dei suoi figli agli dei, dovrà essere messo a morte; il popolo del paese lo lapiderà. Anch'io volgerò la faccia contro quell'uomo e lo eliminerò dal suo popolo, perché ha dato qualcuno dei suoi figli a qualsiasi dio incluso Noi con l'intenzione di contaminare il mio santuario e profanare il mio Santo Nome. Se il popolo del paese chiude gli occhi quando quell'uomo dà qualcuno dei suoi figli a qualasiasi dio inventato poi e non lo mette a morte, io volgerò la faccia contro quell'uomo e contro la sua famiglia ed eliminerò dal suo popolo lui con quanti si danno all'idolatria come lui, abbassandosi a venerare altri dei.(inespiabile in perpetuo) Questo vale anche per tutte quelle religioni che sacrificano esseri umani.

Se un uomo si rivolge ai negromanti e agli indovini per darsi alle superstizioni dietro a loro, io volgerò la faccia contro quella persona e la eliminerò dal suo popolo (inespiabile in perpetuo). Santificatevi dunque e siate santi, perché io sono Iaù, vostro Dio.

Osservate le mie leggi e mettetele in pratica. Io sono Iaù che vi vuole fare santi.

Chiunque maltratta suo padre o sua madre dovrà essere messo a morte; ha maltrattato suo padre o sua madre: il suo sangue ricadrà su di lui.(inespiabile in perpetuo)

Se uno commette adulterio con la moglie del suo prossimo, l'adùltero e l'adùltera dovranno esser messi a morte.(inespiabile in perpetuo)

Se uno ha rapporti con la matrigna, egli scopre la nudità del padre; tutti e due dovranno essere messi a morte; il loro sangue ricadrà su di essi.(inespiabile in perpetuo)

Se uno ha rapporti con la nuora, tutti e due dovranno essere messi a morte; hanno commesso un abominio; il loro sangue ricadrà su di essi.(inespiabile in perpetuo)Se uno ha rapporti con un uomo come con una donna, tutti e due hanno commesso un abominio; dovranno essere messi a morte; il loro sangue ricadrà su di loro.(inespiabili in perpetuo).
Se uno prende in moglie la figlia e la madre, è un delitto. (inespiabile in perpetuo)

L'uomo che si abbrutisce con una bestia dovrà essere messo a morte; dovrete uccidere anche la bestia. Se una donna si accosta a una bestia per lordarsi con essa, ucciderai la donna e la bestia; tutte e due dovranno essere messe a morte; il loro sangue ricadrà su di loro.* ( anche questo inespiabile in perpetuo , come tutti quei peccati dove era prevista anticamente la morte fisica).

Se uno prende la propria sorella, figlia di suo padre o figlia di sua madre, e vede la nudità di lei ed essa vede la nudità di lui, è un'infamia; tutti e due saranno eliminati alla presenza dei figli del loro popolo; quel tale ha scoperto la nudità della propria sorella; dovrà portare la pena della sua iniquità(inespiabile in perpetuo).

Se uno ha un rapporto con una donna durante le sue regole e ne scopre la nudità, quel tale ha scoperto la sorgente di lei ed essa ha scoperto la sorgente del proprio sangue; perciò tutti e due saranno eliminati dal loro popolo.(inespiabile in perpetuo)
Non scoprirai la nudità della sorella di tua madre o della sorella di tuo padre; chi lo fa scopre la sua stessa carne; tutti e due porteranno la pena della loro iniquità.(inespiabile in perpetuo)

Se uno ha rapporti con la moglie di suo zio, scopre la nudità di suo zio; tutti e due porteranno la pena del loro peccato; dovranno morire senza figli. (inespiabile in perpetuo)

Se uno prende la moglie del fratello, è una impurità, egli ha scoperto la nudità del fratello; non avranno figli.

Osserverete dunque tutte le mie leggi e tutte le mie prescrizioni e le metterete in pratica, perché altrimenti vi riempite di malattie mortali come i cancri e non potete restare nel Paradiso terrestre.
La proibizione si estende anche tra le unioni di cugini sia di primo grado che di gradi successivi. Dio non proibisce l’unione fra cugini, nella bibbia stessa ne abbiamo vari esempi, però questa è una concessione fatta ai patriarchi, d’ora in poi le unioni fra cugini anche di grado ultimo, non vanno consumate, perché la mescolanza genetica non è come quella di 2000 anni fa ,è più ripetitiva, tanto è vero che incontriamo spesso persone che assomigliano ad altre, questo vuol dire che molti parenti , anche di grado ultimo si sono uniti in epoche passate e precenti, e questo non rafforza il patrimonio genetico, ma lo indebolisce. Perciò chi trasgredisce questo precetto commette un peccato inespiabile in perpetuo, a meno che non sappia del grado di parentela a cui appartiene il partner. Se per caso parenti prossimi si innamorano l’uno dell’altro e stanno insieme potranno starci però non possono avere rapporti sessuali né figli, altrimenti commettono un peccato inespiabile.

Se uomo o donna, in mezzo a voi, eserciteranno la negromanzia o la divinazione, dovranno essere messi a morte; saranno lapidati e il loro sangue ricadrà su di essi".(inespiabile in perpetuo).

Osserverete dunque i miei comandi e li metterete in pratica. Io sono Iaù.

Non profanerete il Mio Santo Nome, perché Io mi manifesti santo in mezzo agli israeliti. Io sono Iaù che vi santifico.
Durante sei giorni si attenderà al lavoro; ma il settimo giorno è sabato, giorno di assoluto riposo e di santa convocazione. Non farete in esso lavoro alcuno; è un riposo in onore di Iaù in tutti i luoghi dove abiterete.
Ogni primizia va trattata come descritto sopra. Ogni cosa che producete per prima non la dovete nè vendere nè mangiare ma la lascerete lì questo solo per i cibi mangerecci,poi se la indistria è grande farete lo stesso metterete dei vigilatori nei campi che segnano i frutti nati per primi e li lascerete lì.


Chiunque maledirà il suo Dio, porterà la pena del suo peccato. Chi bestemmia il nome di Iaù dovrà essere messo a morte: tutta la comunità lo dovrà lapidare. Straniero o nativo del paese, se ha bestemmiato il nome di Iaù, sarà messo a morte.(inespiabile in perpetuo)

Chi percuote a morte un uomo dovrà essere messo a morte.

Chi percuote a morte un capo di bestiame lo pagherà,pagherà la bestia morta. (come potete leggere non vi è peccato nell'uccidere un animale, tranne in questa era, per gli uccellini che sono i messaggeri di Iaù, e attualmente anche la carne tranne quella di pesce.)

Chi uccide un capo di bestiame lo pagherà; ma chi uccide un uomo sarà messo a morte.

Ci sarà per voi una sola legge per il forestiero e per il cittadino del paese; poiché io sono Iaù vostro Dio".

Iaù disse ancora a mosè sul monte sinai: "Parla agli Israeliti e riferisci loro: Quando entrerete nel paese che io vi dò, la terra dovrà avere il suo sabato consacrato a Iaù. Per sei anni seminerai il tuo campo e poterai la tua vigna e ne raccoglierai i frutti; ma il settimo anno sarà come sabato, un riposo assoluto per la terra, un sabato in onore di Iaù; non seminerai il tuo campo e non poterai la tua vigna. Non mieterai quello che nascerà spontaneamente dal seme caduto nella tua mietitura precedente e non vendemmierai l'uva della vigna che non avrai potata; sarà un anno di completo riposo per la terra. Ciò che la terra produrrà durante il suo riposo servirà di nutrimento a te, al tuo schiavo, alla tua schiava, al tuo bracciante e al forestiero che è presso di te; anche al tuo bestiame e agli animali che sono nel tuo paese servirà di nutrimento quanto essa produrrà,però non si possono vendere.

Metterete in pratica le Mie leggi e osserverete le Mie prescrizioni, le adempirete e abiterete il paese tranquilli. La terra produrrà frutti, voi ne mangerete a sazietà e vi abiterete tranquilli.

Se il tuo fratello che è presso di te cade in miseria ed è privo di mezzi, aiutalo, come un forestiero e inquilino, perché possa vivere presso di te. Non prendere da lui interessi, né utili; ma temi il tuo Dio e fa' vivere il tuo fratello presso di te. Non gli presterai il denaro a interesse, né gli darai il vitto a usura.
Chi vi presta danaro ed esige un interesse pecca in modo inespiabile in perpetuo, voi lo prenderete quel danaro, però a loro verrà computato a peccato. Le agenzie di prestito devono essere gestite da persone generose che diano in prestito il loro danaro per amore del prossimo e non per esigere interessi . Chi contrae il prestito non pecca , perché ha necessità di quel danaro, in questo caso chi presta ad interesse pecca . Però, chi non restituisce il danaro nel tempo stabilito pecca di furto, a meno che non dimostri che nonostante i suoi sforzi non ha potuto restituire il prestito,comunque sia chi ha contratto il prestito se non può pagare qualche rata per tempo non ha importanza, basta che queste non superino la metà del prestito.Chi contrae prestiti perché è in miseria e privo di mezzi non deve pagare interessi sul quel danaro ; chi chiede danaro per ampliare i suoi interessi commerciali o di altra natura dove fluisca danaro o altro bene equivalente allora si potranno esigere interessi sul prestito.Non si potranno esigere interessi nemmeno su chi vorrebbe acquistare la sua unica casa.Chi presta danaro , dovrà procurarsi la documentazione comprovante la sua transazione di prestito nel rispetto delle regole ufficiali del paese in cui vivono.Il beneficiato può fare un dono spontaneo al donatore.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu